2008 - Le risorse del mare per la salute dell'uomo

2008 - Le risorse del mare per la salute dell'uomo

Il convegno ha avuto l’obiettivo di presentare il mare come evento terapeutico e risorsa di enorme interesse nel campo della ricerca biomedica marina. La ricerca su alcuni organismi marini infatti prospetta per il futuro una nuova gamma di insperate possibilità per la salute dell’uomo.

La Fondazione Michelagnoli e FIDAPA organizzano l'incontro sul tema "Le risorse del mare per la salute dell'uomo". A Massafra, giovedì 7 febbraio 2008 alle ore 18.00, presso l'Appia Palace Hotel (S.S. 7 Appia km. 633) - Salone delle Conferenze.

Il comunicato

Il mare copre il nostro pianeta per circa il 71% della superficie terrestre e gioca un ruolo fondamentale nella vita dell’uomo. Le risorse biologiche marine costituiscono una fonte essenziale di sostentamento. Ma il mare non è solo pesca e acquacoltura, è anche “un evento terapeutico” e risorsa di enorme interesse nel campo della ricerca biomedica marina.

E’ noto come alcuni organismi marini producano sostanze bioattive provviste di numerose proprietà farmacologiche utili per il trattamento di patologie e come altre risorse biologiche marine abbiano capacità antibiotiche e antitumorali. Se questa è già una realtà, la ricerca su alcuni organismi marini prospetta per il futuro una nuova gamma di insperate possibilità per la salute dell’uomo. “Le risorse del mare per la salute dell’uomo” è appunto il tema dell’incontro organizzato dalla Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) e dalla Fondazione Michelagnoli giovedì 7 febbraio alle ore 18.00 presso l’Appia Palace Hotel di Massafra.

Chairman il Presidente Fidapa dr.ssa Anna Bafunno, promotrice dell’incontro in linea con il tema nazionale dell’istituzione “alla ricerca di un valore perduto: il rispetto”, Salvatore Mellea, direttore generale della Fondazione Michelagnoli, parlerà di rispetto del mare e dell’impegno della fondazione nella promozione della cultura del mare e dell’educazione alla coscienza ambientale. A sottolineare l’esigenza del rispetto del mare, Antonio Di Comite, primario emerito di neonatalogia, e Stefano Piraino, docente di Biologia Animale dell’Università degli Studi di Lecce, parleranno di proprietà terapeutiche del mare, di scienza, di ricerca di base e di applicazioni della ricerca, e soprattutto di conoscenze che possono venire da animali come le meduse e di come dallo studio della biodiversità in generale si possano ottenere risultati inaspettati ed inimmaginabili.

 


Stampa   Email

Ti potrebbe interessare anche...